11.3 C
Comune di Avellino
17 Gennaio 2020
Ultima pubblicazione: 17 gennaio 2020 12:35:41
Impresa Diretta
Image default
Attualità

REDDITO DI CITTADINANZA PER DISABILI

Al fine di aumentare l’occupazione, combattere le disuguaglianze sociali e arginare la povertà, la Legge di Bilancio 2020 ha riconfermato il reddito di cittadinanza. 

Ci sono per questo 2020, moltissime novità in materia di reddito o pensione di cittadinanza. 

In un articolo pubblicato qualche giorno fa, ci siamo occupati di tutte le novità che riguardavano gli extracomunitari.

In questo invece, ci occuperemo di tutte le novità che riguardano i disabili. 

Nel nostro paese ci sono più di 255.000 nuclei familiari, all’interno dei quali c’è una persona disabile.

Molte di queste famiglie hanno difficoltà a sbarcare il lunario e per queste, il reddito di cittadinanza può essere un valido aiuto. 

Cerchiamo di capirne di più. 

Andiamo per gradi partiamo dalle riconferme e dalle novità. 

Anche quest’anno, la pensione d’invalidità non viene annoverata tra i redditi che incidono sul raggiungimento della soglia per ottenere il Reddito di Cittadinanza.

A questa riconferma si aggiungono due novità. 

La prima, che è sicuramente la più importante, riguarda la riduzione dei limiti patrimoniali, che in concreto vuol dire un aumento di 50 euro del reddito di cittadinanza. 

Inoltre, si da la possibilità, alle famiglie anziane con componenti under 67, che si trovano in condizioni gravi o di non autosufficienza, ad avere accesso alla pensione di cittadinanza. 

La seconda novità, invece, riguarda il limite di distanza per la congruità dell’offerta di lavoro.

Per le famiglie con disabili, la terza offerta è congrua, per i primi 24 mesi, solo se la distanza non è superiore ai 250 chilometri. 

Quali sono i requisiti affinché un disabile possa far richiesta del reddito di cittadinanza?

In linea di massima i requisiti sono quelli necessari a chiunque voglia fare la domanda.

Quindi:

  • essere cittadini italiani, europei o extraeuropei residenti in Italia da almeno 10 anni di cui gli ultimi due consecutivi;
  • avere un ISEE 2020 al di sotto dei 9.360 euro;
  • avere un patrimonio immobiliare non superiore ai 30.000 euro annui, fatta eccezione per la prima casa.

Due sono i requisiti in cui un disabile viene avvantaggiato rispetto a tutti gli altri. 

Per i non disabili, è necessario avere un patrimonio mobiliare non superiore ai 6.000, fatta eccezione per alcuni casi specifici.

Per un disabile, tale soglia può aumentare fino a 20.000 euro, ai 6.000 vanno sommati altri 5.000 per ogni componente con handicap. 

Gli altri richiedenti non possono essere in possesso di auto immatricolata la prima volta nei 6 mesi prima della domanda.

E di auto sopra i 1600 cv o moto superiori a 250 cc, immatricolate per la prima volta nei 2 anni antecedenti alla domanda. 

Requisiti, questi, che vengono meno se si tratta di autoveicoli o motoveicoli acquistati mediante agevolazioni fiscali in favore delle persone disabili. 

Tali requisiti ovviamente sono validi anche per fare richiesta di pensione di cittadinanza.

La soglia ISEE viene aumentata in caso non si abbia una casa di proprietà e si viva quindi in affitto. 

I disabili devono attenersi agli stessi obblighi a cui devono attenersi gli altri beneficiari del reddito di cittadinanza?

Sono esonerati da qualsiasi obbligo, come il Patto di Lavoro, il Patto per la Formazione, e via discorrendo.

Articoli correlati

REVOCATA LA SOSTA ALLA DISABILE DI ATRIPALDA

Giuseppe Vincenzo Battista

REGOLE PER I FALO’ DI SAN SABINO

A SCUOLA DI IPHONE ALLA MASI DI ATRIPALDA

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più