11.3 C
Comune di Avellino
17 Gennaio 2020
Ultima pubblicazione: 17 gennaio 2020 12:35:41
Impresa Diretta
Image default
Eventi & costumi

LA NOTTE DEI FALO’ NEL BORGO DI NUSCO

La notte dei falò nel borgo di Nusco.

Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento con “La Notte dei Falò”. 

Per tre sere, dal 17 al 19 gennaio 2020, a farla da padrone sarà il fuoco che illuminerà e animerà lo storico borgo di Nusco, uno dei borghi irpini più belli. 

La kermesse, organizzata dal Comune di Nusco e dalla Pro Loco Balcone dell’Irpinia, si rifà ad un’antica tradizione etnica e contadina, quella dell’accensione dei falò. 

Un’antica usanza che ha trovato larga diffusione in alcuni Paesi del nord Europa e in gran parte dell’Italia in segno di purificazione di anime, coscienze e corpi. 

I falò di Nusco, sono legati alla celebrazione di Sant’Antonio Abate, che si festeggia il 17 gennaio, protettore degli animali, guaritore di tutti i mali e in particolare dell’Herpes Zoster o comunemente chiamato Fuoco di Sant’Antonio, e patrono della comunità contadina di Nusco. 

Proprio i fuochi che venivano accesi per celebrare il santo e chiedergli aiuto, nei secoli, hanno alimentato le leggende su questa figura sacra, è stato proprio il miracoloso fuoco guaritore di Sant’Antonio a dar vita quindi alla tradizione dei falò. 

Inoltre rimanendo sulla scia del fuoco guaritore, una leggenda associa l’origine dei falò di Nusco ad un evento catastrofico. 

Nel 1656 ci fu una grandissima epidemia di peste che investì l’Irpinia e tutto il Mezzogiorno, causando solo nel piccolo comune di Nusco circa 1200 vittime. 

In quella occasione per la prima volta furono accesi i falò come mezzo di purificazione corporale e spirituale, ma anche per chiedere, in extremis, l’aiuto sacro di Sant’Antonio Abate. 

La leggenda narra che l’accensione dei falò servì a cessare l’epidemia. 

La Notte dei Falò, che si rifà quindi all’antica tradizione, è un incrocio tra sacro e profano tra storia e modernità, che attrae oggi anno moltissimi visitatori provenienti non solo dalla Campania ma da tutto il Sud Italia.

Negli ultimi anni sono state più di quindicimila le persone che vi hanno preso parte. 

I visitatori che vi prenderanno parte, così come quelli che vi hanno preso parte negli anni passati, verranno proiettati in un grande laboratorio enogastronomico, artigianale e musicale. 

Le strade di Nusco saranno animate da stand enogastronomici, aree spettacolo, musica e divertimento, diventando un grande palcoscenico a cielo aperto, il tutto nella suggestiva atmosfera creata da ceppi ardenti.

I ceppi, accesi in vari punti del paese, serviranno oltre che a creare atmosfera anche a riscaldare le gelide serate tipiche di questo periodo. 

La manifestazione è anche un’occasione per promuovere il territorio, la sua genuinità e tipicità. 

Sarà possibile gustare nei numerosi stand posizionati lungo il percorso i piatti della tradizione locale, ma non solo sarà anche possibile acquistare e ammirare i prodotti della terra e dell’artigianato, punto di forza dell’economia non solo di Nusco ma anche dell’intera area che gravita intorno al comune irpino. 

Articoli correlati

50ESIMA DEL CARNEVALE CASTELVETERESE

Giuseppe Vincenzo Battista

LA FANFARA DELLA POLIZIA DI STATO AD AVELLINO

Giuseppe Vincenzo Battista

CONCERTO DI GOSPEL, SPIRITUALS & CAROLS

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più