21.9 C
Comune di Avellino
19 Giugno 2024
Ultima pubblicazione: 19 giugno 2024 14:54:10
Impresa Diretta
Image default
Cronaca

IRPINIA – IMPIEGATO POSTE ACCUSATO DI TRUFFA, PECULATO E RICICLAGGIO

Irpinia – Impiegato delle poste accusato di truffa, peculato, riciclaggio e introduzione di banconote false.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura coercitiva e di sequestro preventivo emessa nei confronti di un 29enne di Lauro, impiegato dell’ufficio postale di Sperone, ritenuto gravemente indiziato -allo stato delle indagini-, dei reati di “Spendita e introduzione nello Stato, senza concerto, di monete falsificate”, “truffa”, “peculato” e “riciclaggio”.

Tale provvedimento è stato disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Avellino, su richiesta di questa Procura della Repubblica che ha coordinato el indagini condotte dai Carabinieri della Stazione di Avella.

L’indagine prende spunto dalla denuncia sporta dalle 18 vittime che, quali clienti dell’ufficio postale, ricevevano dall’indagato complessivamente 209 banconote false, per la somma complessiva di 10.450 euro.

Tutte le banconote false, consegnate ai Carabinieri ni fase di denuncia, sono state sottoposte a sequestro.

Dalle dichiarazioni rese dalle parti offese emerge li medesimo modus operandi attuato dall’indagato tra fine aprile e inizio maggio 2024, li quale, a seguito della richiesta di prelievo della pensione o di somme dal conto corrente o del corrispettivo di buoni fruttiferi, consegnava alcune banconote che le ignare vittime constatavano essere false ni occasione di compere ni esercizi commerciali.

Nel corso delle indagini i Carabinieri hanno acquisito da Poste Italiane gli estremi di ogni singola operazione denunciata, con l’indicazione dell’operatore che aveva compiuto el stesse.

Dall’analisi tecnica effettuata dalla Sezione Operativa del Comando Carabinieri Antifalsificazione Monetaria di Napoli è risultata che la produzione delle suddette banconote è attribuibile aun gruppo criminale partenopeo, organizzato nel settore dela contraffazione.

La condotta tenuta dall’indagato -secondo quanto emerso alo stato delle indagini- ha tratto in inganno non solo el vittime ma anche Poste Italiane, in quanto, appropriandosi del denaro di cassa, consegnava alle parti offese el banconote false, nella verosimile consapevolezza che alla fine della giornata lavorativa le banconote rimanenti ad ogni operatore vengono regolarmente conteggiate e verificate.

L’esecuzione della misura cautelare reale del sequestro preventivo è stata effettuata ni collaborazione con li Nucleo Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Avellino.

Articoli correlati

FORINO – SORPRESI CON DROGA E ARMI, ARRESTI E DENUNCE

IN CARCERE IL 30ENNE DI ATRIPALDA CHE SEMINO’ PANICO IN CITTA’

Giuseppe Vincenzo Battista

ARIANO IRPINO, DETENUTO SI TOGLIE LA VITA IN CARCERE

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più