13.6 C
Comune di Avellino
26 Settembre 2020
Ultima pubblicazione: 26 settembre 2020 11:21:26
Impresa Diretta
Image default
Attualità

INDENNITA’ DI DISOCCUPAZIONE, ECCO COME FARE

Indennita’ di disoccupazione: quali sono e come richiederli.

Tutti i lavoratori dipendenti e parasubordinati che perdono involontariamente l’impiego hanno diritto a un’indennità di disoccupazione. 

Un assegno erogato dall’Inps, che serve a sostenere il lavoratore privo di retribuzione. 

Ci sono tre diverse tipologie di indennità di disoccupazione: la NASpI, la DIS-COLL e la disoccupazione agricola. 

Cos’è la NASpI? 

La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, detta NASpI, introdotta nel 2015 da Jobs Act, è un’indennità di disoccupazione riconosciuta ai lavoratori che perdono il lavoro a causa di un licenziamento involontario o per dimissioni per giusta causa. 

Tale sussidio è previsto solo per determinate categorie di lavoratori: 

  • dipendenti a tempo indeterminato e determinato;
  • apprendisti;
  • soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato; 
  • dipendenti a tempo determinato della Pubblica Amministrazione; 
  • lavoratori domestici. 

A questi si aggiungono i precari della scuola, docenti e supplenti, i cui contratti di lavoro terminano entro il 30 giugno 2020 ed a partire dal 1° luglio 2020, potranno presentare domanda all’INPS per l’assegnazione dell’indennità di disoccupazione NASpI. 

Sono invece esclusi dal sussidio di disoccupazione, i dipendenti PA a tempo indeterminato e gli operai agricoli. 

I requisiti. 

Per poter richiedere l’indennità di disoccupazione NASpI bisogna essere in possesso di tre requisiti: 

  • essere in stato di disoccupazione; 
  • avere almeno 13 settimane di contribuzione versata nei 4 anni precedenti al licenziamento; 
  • avere lavorato almeno 30 giorni nei 12 mesi precedenti l’inizio della disoccupazione. 

La domanda deve essere presentata telematicamente, compilando l’apposito modello INPS, entro e non oltre 68 giorni dalla data di licenziamento. 

Ci sono tre modi per poterlo fare: 

  • compilare autonomamente il modello mediante il portale INPS, in questo caso si deve  essere in possesso delle credenziali, codice PIN;
  • recarsi presso gli sportelli di patronati o enti affini; 
  • telefonare al numero verde INPS. 
Durata e importo. 

La durata della NASpI dipende dal numero di contributi che sono stati versati negli ultimi 4 anni precedenti al licenziamento. 

Essa spetta per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni. 

Ragion per cui la durata massima dell’erogazione sarà di 24 mesi, fatta eccezione per i lavoratori precari disoccupati, per i quali la durata massima dell’erogazione sarà di 6 mesi. 

Per quanto riguarda l’importo, invece, esso viene calcolato mediante una complessa operazione matematica. 

L’operazione prevede la somma di tutti gli importi e dell’estratto conto contributivo INPS, relativo alle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali, percepite negli ultimi 4 anni.

Successivamente la somma ottenuta viene divisa per il numero di settimane di contribuzione.

Il risultato ottenuto viene moltiplicato per il coefficiente 4,33. 

Se il risultato che ne viene fuori è un importo pari o inferiore a 1.226,32 euro, l’importo della Naspi sarà pari al 75% dello stipendio.

Se, invece, sarà maggiore, al 75% dovrà essere aggiunto un importo pari al 25% del differenziale tra retribuzione mensile e il predetto importo. 

Indipendentemente dal risultato ottenuto, l’importo mensile NASpI non potrà superare i 1.334,00 euro. 

Veniamo ora alla DIS-COLL, che cos’è? 

La DIS-COLL è un’indennità di disoccupazione riservata a tutti i lavoratori parasubordinati in stato di disoccupazione, che possono fare valere almeno un mese di contributi nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno precedente la cessazione della collaborazione, sino alla cessazione stessa. 

I suoi beneficiari sono quindi collaboratori a progetto, occasionali, coordinati e continuativi, ai quali dobbiamo aggiungere borsisti e dottorati di ricerca. 

Dai questi dobbiamo escludere amministratori e componenti di collegi e commissioni, collaboratori titolari di pensione o iscritti presso altre gestioni di previdenza obbligatoria, assoggettati all’aliquota ridotta al 24%. 

Domanda, durata e importo. 

La domanda deve essere inviata all’ INPS per via telematica, compilando un apposito modulo, entro e non oltre 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. 

L’indennità di disoccupazione può essere erogata per un periodo pari alla metà dei mesi contribuiti, nel periodo compreso tra il 1° gennaio dell’anno precedente la fine del rapporto di collaborazione e il termine del rapporto stesso. 

Essa, a prescindere dalla durata del periodo lavorativo, ha un’erogazione massima di 6 mesi. 

Per quanto riguarda invece l’importo, che viene calcolato tenendo in considerazione i mesi o le frazioni di mese di durata del rapporto di lavoro, non andrà a superare i 1.334,00 euro al mese. 

La disoccupazione agricola. 

La disoccupazione agricola INPS è un’indennità di disoccupazione riservata agli operai agricoli, da non confondere con gli impiegati agricoli che invece hanno diritto alla NASpI. 

A beneficiare di tale indennità sono gli operai agricoli, sia a tempo determinato che indeterminato, che lavorano per una parte dell’anno. 

A questi dobbiamo aggiungere piccoli coloni, compartecipanti familiari e piccoli coltivatori diretti, che integrano fino a 51 le giornate di iscrizione negli elenchi nominativi mediante versamenti volontari. 

Requisiti. 

Per poter richiedere la disoccupazione agricola, bisogna essere in possesso di 3 requisiti:

  • essere iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli dipendenti; 
  • avere almeno due anni di anzianità nell’assicurazione contro la disoccupazione involontaria; 
  • avere almeno 102 contributi giornalieri nel biennio costituito dall’anno cui si riferisce l’indennità e dall’anno precedente. 

La domanda di disoccupazione agricola deve essere presentata esclusivamente mediante via telematica, entro e non oltre il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si è verificato lo stato di disoccupazione. 

Ci sono tre diversi modi per compilare la domanda: 

  • compilazione online attraverso il portale dell’INPS, in questo caso il cittadino deve essere in possesso delle credenziali d’accesso, codice PIN; 
  • compilazione assistita presso enti di patronato che offrono servizi telematici;
  • per via telefonica contattando il Contact Center multicanale. 
Durata e importo. 

La durata dell’erogazione della disoccupazione agricola viene calcolata sottraendo al numero delle giornate lavorative, comprese nell’arco temporale di un anno, il numero delle giornate di lavoro dipendente agricolo e non agricolo, quelle di lavoro in proprio, quelle indennizzate ad altro titolo (es: maternità, malattia) e quelle non indennizzabili. 

Riguardo l’importo, esso è pari al 40% della retribuzione erogata al lavoratore, al quale deve essere sottratto il 9% per ogni giornata di indennità di disoccupazione erogata a titolo di contributo di solidarietà. 

Articoli correlati

CAOS SCUOLE ATRIPALDA, CONSIGLIERI SCRIVONO ALLE AUTORITA’

Giuseppe Vincenzo Battista

DISSERVIZIO CIMITERO,DEL MAURO SI SCUSA.VIDEO

Giuseppe Vincenzo Battista

SUCCEDE DI TUTTO ALLA “DE AMICIS” ATRIPALDA. VIDEO

Giuseppe Vincenzo Battista

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più