27.8 C
Comune di Avellino
4 Agosto 2021
Ultima pubblicazione: 04 agosto 2021 17:03:56
Impresa Diretta
Image default
Attualità Politica

ATRIPALDA: FUORI I VELENI DAL “PALAZZO”(MA NON DALLA CITTA’)

No, nemmeno l’inchiesta della Procura della Repubblica ha fatto il “miracolo”: la terra dei fuochi irpina rimane argomento tabù per il Consiglio comunale di Atripalda, il principale centro della valle del Sabato, quello a cui competerebbe assumere, come e più che ad altri, un ruolo propulsivo riguardo alla questione dei veleni che imperversano sul territorio. 

Se ne può parlare sui media, anche nazionali, ma non nelle sedi istituzionali.

Lo hanno decretato il sig. Spagnuolo e la sua maggioranza, con la complice passività del gruppo dell’altro Spagnuolo, Paolo. Il sopire e troncare di manzoniana memoria non avrebbe potuto trovare rappresentazione più  efficace. 

Non una discussione (ma vogliamo scherzare?), ma nemmeno un’informativa, un telegramma, una… velina,  sullo studio di biomonitoraggio ambientale disposto dalla Regione (progetto “Spes”), che ha evidenziato la presenza, non solo nell’aria ma nel sangue dei volontari sottopostisi ai prelievi, di massicce quantità di diossina, metalli pesanti e veleni vari.

Lo scorso 30 giugno nella sala consiliare di Atripalda, si è discusso di tutto, ma non dell’argomento che per questo territorio è il tema dell’anno (e, temiamo, anche dei prossimi).

Ma perché tanta ostinata reticenza?

Forse perché un dibattito sulla crisi ambientale avrebbe inevitabilmente comportato l’obbligo di rendere conto della politica comunale nel settore (inesistente), di riferire sull’attività svolta da questa amministrazione per bonificare il Sabato (anche qui il nulla assoluto), per non parlare poi del contrasto all’inquinamento atmosferico (di fatto incentivato, con l’eliminazione, fino a qualche mese fa, di qualsiasi dispositivo di misurazione).

Forse anche perché a G. Spagnuolo e soci la dimensione locale in fondo sta stretta. Essi preferiscono  vestire i panni di cavalieri dell’ideale e dedicarsi a progetti di dimensione planetaria.

Non si curano molto della nostra salute, però quando si tratta di salvare la Terra non vogliono essere secondi a nessuno.

E così qualche mese fa hanno portato in Consiglio, e approvato, niente che meno che la dichiarazione di EMERGENZA CLIMATICA. 

Bella figura assicurata e nessun fastidio. Ambientalismo morbido e a costo zero, insomma.

Intanto però, tra polveri (sottili) e metalli (pesanti), si succedono i nostri anni di piombo (in senso letterale e non metaforico), con la speranza di non avanzare a tappe forzate verso la stirpe del ferro, quella che, secondo il poeta Esiodo, conduce una vita breve, stentata e grama, prima dell’estinzione. 

Luigi Caputo 

Partito della Rifondazione Comunista -Atripalda

Comitato Politico Provinciale – Federazione PRC Avellino

Articoli correlati

ATRIPALDA: UN COMUNE FUORI DAL COMUNE

Giuseppe Vincenzo Battista

COVID, NUOVA ORDINANZA DELLA REGIONE CAMPANIA

Giuseppe Vincenzo Battista

PARCOMETRI ATRIPALDA, COSTO FINALE 933.138,96 EURO

Giuseppe Vincenzo Battista

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più