27.8 C
Comune di Avellino
4 Agosto 2021
Ultima pubblicazione: 04 agosto 2021 17:03:56
Impresa Diretta
Image default
Attualità

ATRIPALDA: DIVIETO DI COMBUSTIONI DI OGNI GENERE

Nella giornata di ieri, 16 giugno, il comune di Atripalda ha pubblicato un’ordinanza riguardante il fenomeno, fin troppo comune in Irpinia, degli incendi boschivi. 

Nonostante la combustione di residui vegetali dovuti alla produzione agricola, sua una pratica tradizionale, gli incendi si verificano costantemente nel periodo estivo, mettendo a rischio non solo l’ambiente, ma anche l’incolumità degli individui. 

L’ordinanza, quindi, pone l’assoluto divieto di “bruciatura di vegetali, loro residui o altri materiali connessi all’esercizio delle attività agricole nei terreni agricoli, anche se incolti, degli orti, parchi e giardini”, nel periodo considerato di estremo rischio per gli incendi boschivi. 

Quindi, dal 15 giugno al 20 settembre, lungo le strade, nelle campagne e nei boschi del comune di Atripalda, non sarà possibile non solo bruciare residui agricoli, ma anche accendere qualunque altro tipo di fuoco; utilizzare mine o fuochi d’artificio; fare uso di macchinari a fiamma o elettrici per tagliare metalli; usare motori (ad eccezione di quelli autorizzati), fornelli o inceneritori; gettare mozziconi a terra; sostare o transitare con veicoli a motore all’interno di zone boschive o comunque non asfaltate. 

Ma oltre ai divieti, il sindaco ha disposto degli obblighi per chi possiede aree che confinano con strade, boschi, abitazioni, strutture turistiche e industriali, di operare:

– rimozione dai terreni, per una fascia non inferiore a 50 metri dalle strade e dai complessi edificati, ogni residuo vegerale o qualsiasi materiale che possa favorire l’innesco di incendi e la propagazione del fuoco;

– decespugliamento laterale lungo le strade per una fascia variabile tra i 5 ed i 50 metri;

– decespugliamento laterale lungo il perimetro di aree boscate;

Infine, i concessionari di impianto GPL o gasolio in serbatoi fissi, sia pubblici che domestici, devono rimuovere la vegetazione nelle aree che circondano gli impianti per un raggio di almeno 6 metri. 

Il documento continua indicando le sanzioni per coloro che non rispetteranno le disposizioni, i quali subiranno multe che vanno da 1032 € fino a raggiungere i 10.329 €. 

Articoli correlati

ATRIPALDA: UN COMUNE FUORI DAL COMUNE

Giuseppe Vincenzo Battista

COVID, NUOVA ORDINANZA DELLA REGIONE CAMPANIA

Giuseppe Vincenzo Battista

PARCOMETRI ATRIPALDA, COSTO FINALE 933.138,96 EURO

Giuseppe Vincenzo Battista

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più