16 C
Avellino
13 Novembre 2019
Ultima pubblicazione: 12 novembre 2019 16:29:12
Impresa Diretta
Image default
Attualità

ASMR – LA NUOVA TENDENZA MONDIALE CHE IMPAZZA SU YOUTUBE

Milioni di visualizzazioni, canali YouTube in crescita, nuove star, innumerevoli controversie, queste alcune delle conseguenze della nuova tendenza, che impazza fra youtubers ed influencer. 

Come si chiama questa nuovo mods, così ricercato, che sta cambiando le abitudini di rilassarsi?

Lo chiamano ASMR o più comunemente orgasmo mentale, anche se con il sesso non ha quasi nulla a che fare, se escludiamo che anch’esso è una sorta di ricerca del piacere. 

Cosa significa ASMR?

Il termine ASMR, acronimo di “Autonomous sensory meridian response”, ovvero “risposta autonoma del meridiano sensoriale”, sta ad indicare una risposta fisica ad uno stimolo sensoriale. 

Quando è nato?

Usato per la prima volta il 25 febbraio 2010, il termine non è nato in ambito scientifico, anche se sta trovando largo uso in psicologia. E’ stato coniato da Jennifer Allen, conosciuta dal popolo web con lo pseudonimo di Envelope Nomia, creatrice di un gruppo Facebook dedicato all’orgasmo mentale.

Cos’è e come si manifesta quest’orgasmo celebrale? 

L’orgasmo mentale è una piacevole sensazione che pervade il nostro corpo. Si manifesta con un dolce formicolio al cuoio capelluto, che lentamente corre su tutta la schiena e le spalle, regalandoci una sensazione di pieno relax e benessere. La sensazione che si percepisce ricorda molto il piacere che si prova quando ci sussurrano qualcosa all’orecchio o quando qualcuno ci sfiora la schiena con la punta delle dita. Questa sensazione di relax è provocata dalla ricezione di stimoli sensoriali. Tali stimoli possono essere cerebrali, come idee o pensieri, oppure visivi, uditivi o tattili. 

Ad oggi, nonostante ci siano molte persone pronte ad affermare di aver provato un orgasmo mentale, mediante l’ascolto di rumori particolari, oppure osservando particolari gesti di un’altra persona, non c’è stato nessuno studio scientifico che abbia dimostrato l’esistenza dell’ASMR. 

Cos’è che ha trasformato questa piacevole sensazione in un trend? 

A partire dal 2010, il potere aggregante della rete ha permesso agli appassionati di ASMR di potersi confrontare tra di loro. Ecco che, persone che avevano avuto modo di provare un orgasmo mentale, senza però capire le cause di tale piacere, hanno dato vita a diversi forum online, pagine Facebook e via discorrendo, dove hanno raccontato le loro esperienze in merito. Alcuni di loro, forti della loro esperienza, hanno cominciato a realizzare audio e video capaci di suscitare questo piacere ipnotico. YouTube, piattaforma video per eccellenza, in pochissimo tempo è diventato il canale preferito degli ASMRtist. Infatti, basta cliccare sulla piattaforma il nome ASMR per trovarci davanti a milioni di video. Il fenomeno è dilagato a macchia d’olio anche nel nostro Paese, tra i video ASMR in italiano, i più cliccati sono certamente quelli di Chiara ASMR. 

Ma cos’è precisamente un video ASMR? 

Esso altro non è che un video nel quale il cosiddetto ASMRtist, ovvero lo YouTuber che si dedica all’ASMR, sussurrando all’interno di microfoni, con l’accompagnamento di trigger, proietta il fruitore in uno stato di beatitudine e di relax. I trigger altro non sono che stimoli, visivi o uditivi, denominati così perché in grado di suscitare una reazione veloce ed improvvisa, proprio come il salto del grillo. Ovviamente di fronte ad un video di questo genere la reazione è soggettiva. Questo perché non tutti reagiamo ad uno stimolo alla stessa maniera, ma soprattutto non tutti rispondiamo ad uno stimolo. Per questa ragione i video ASMR utilizzano un’infinità di trigger. 

Che cosa sono i trigger?

I trigger possono essere uditivi o visivi. Gli uditivi, sono molto più utilizzati, consistono nel tapping, crickling, scratching, brushing e blowing ovvero in suoni prodotti dai movimenti delle mani su oggetti o superfici. Altra tipologia di trigger uditivi sono il whispering e il soft spoken, si tratta di suoni prodotti con la bocca, ovvero sussurri, schiocchi di lingua e versi ripetuti a bassa voce. I trigger visivi invece riguardano movimenti lenti e circolari delle mani, mani che possono accarezzare o accartocciare un oggetto. In molti dei video ASMR, in particolar modo in quelli che utilizzano come trigger i sussurri, l’ASMRtist cerca di prendersi cura dell’ascoltatore, sussurrandogli una serie di domande personali, che mettono il fruitore a proprio agio, in modo tale che riesca a lasciarsi andare molto più velocemente e l’effetto rilassante ne risulti amplificato. Sono molti inoltre i video ASMR in cui ci sono giochi di ruolo. L’ASMRtist interagisce con l’utente fingendo di essere un medico, un estetista o un parrucchiere, e facendo particolare attenzione ai suoni e ai toni di voce, finge di consigliargli trattamenti estetici o prodotti cosmetici. Per fruire di un video ASMR non ci vogliono grandi mezzi basta una connessione e un paio di cuffie, necessarie affinché gli stimoli non possano essere deviati dai rumori che ci circondano, e possano provocare l’effetto desiderato. 

Orgasmo celebrale, ma che legame c’è tra ASMR e sesso?

In realtà non c’è nessun legame tra le due cose. Coloro i quali hanno provato un orgasmo mentale hanno affermato che il piacere raggiunto è più simile a un’estrema forma di rilassamento, che sortisce effetti più calmanti che eccitanti. D’altro canto però, alcuni video hanno effettivamente delle connotazioni che possono essere definite sessuali. Qui vengono affrontati argomenti erotici che coinvolgono l’ascoltatore in giochi di ruolo dai risvolti piccanti. Ma nella maggior parte dei casi si tratta di temi assolutamente innocenti, che solo grazie alle proprietà del suono e alla sensibilità di chi ascolta diventano fisicamente piacevoli. Non sono mancati casi di video bannati da YouTube.

Beh, alla fine per capire cosa significhi un ASMR, non ci resta che provare. 

Articoli correlati

LASCIARE IL CANE SUL BALCONE E’ REATO

CAMPAGNA CONTRO IL CYBERBULLISMO

YARIS HYBRID “ARRUOLATA” NELL’ARMA

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più