7.4 C
Comune di Avellino
26 Gennaio 2021
Ultima pubblicazione: 26 gennaio 2021 11:03:54
Impresa Diretta
Image default
Politica

A SCUOLA IN PRESENZA IL SABATO E LA DOMENICA

A scuola in presenza il sabato e la domenica, l’idea del Ministro De Micheli

Mentre le Regioni fanno muro e chiedono il posticipo del ritorno in classe dopo l’Epifania, il nodo da sciogliere rimane sicuramente quello dei trasporti pubblici. 

La Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, in un’intervista rilasciata a “la Repubblica” avanza la proposta di aprire le scuole anche il sabato e la domenica, in modo tale da permettere agli studenti di seguire le lezioni in presenza, evitando allo stesso tempo il problema dell’affollamento sui mezzi del trasporto pubblico locale nelle ore di punta dei giorni feriali. 

Ma cosa pensa la Ministra in merito ad un possibile ritorno ad una didattica a distanza per le scuole superiori il prossimo 9 dicembre? 

“Le scuole vanno riaperte quando ci sono le condizioni per riaprirle. Vediamo a che punto stanno, il 9 dicembre, i contagi”, afferma De Micheli che tiene a puntualizzare: 

“Nessuno mi ha portato uno studio che dimostri che i trasporti sono la principale ragione della crescita della curva. Ho sentito troppi scienziati parlare a braccio, in questo periodo. 

Poiché la politica, però, non si muove solo per scienza esatta, ma anche per rassicurare i cittadini, vi dico che le Regioni hanno messo a disposizione quasi diecimila bus aggiuntivi in tutto il Paese con le risorse assegnate dal Governo. 

Sono pronti a scendere in strada alcune città che hanno già codificato le corse in più da fare. 

Parliamo di pullman privati, a noleggio, spiega la ministra, da sette e nove metri e dodici per l’extraurbano. 

Abbiamo a bilancio 500 milioni di euro, duecento sono per il 2021”. 

Ma nonostante questi nuovi mezzi puntualizza De Micheli resta comunque impossibile mantenere il distanziamento: 

“Con 24 milioni di persone a bordo di mezzi dimezzati non sarà possibile. Siamo tornati alla capienza del 50 per cento e dobbiamo restarci almeno fino all’estate. 

Oggi per garantire lo stesso servizio in una città come Milano servirebbe far uscire dall’autorimessa, dalle 07.00 alle 09.00, altri cinquecento mezzi pubblici. Impossibile, dovremmo togliere dalle strade le automobili. 

A Milano possiamo aggiungere ottanta pullman, non di più. Lo stesso ci dicono le simulazioni su Roma e Napoli. 

Quasi tutte le città metropolitane non sono nelle condizioni di ospitare numeri così alti di nuovi mezzi pubblici”. 

Per ovviare al problema trasporti pubblici-scuola ciò che è necessario, secondo la ministra, è lo scaglionamento degli ingressi e delle uscite da scuola. 

Tra le 07.00 e le 09.00 di ogni mattina la metropolitana e gli autobus sono pieni, per poi viaggiare semivuoti dopo le 09,15. Dobbiamo spalmare l’entrata e l’uscita degli studenti sulle prime dodici ore della giornata, dalle 08.00 alle 20.00. 

Lo dicono le aziende di trasporto. È inutile inviare cinque bus ogni cinque minuti tra le 07.00 e le 07,25 se l’orario di ingresso per tutti è quello delle 08.00. Gli studenti si ammassano sulle ultime due corse, le 07.20 e le 07.25. 

Per arrivare a scuola dieci minuti prima della campanella, non mezz’ora prima. Siamo in emergenza e credo sia necessario fare lezioni in presenza anche il sabato. 

Eventualmente anche la domenica, sono decisioni che vanno condivise con tutto il governo, ma, dicevamo, siamo in emergenza e bisogna far cadere ogni tabù, conclude la De Micheli. 

 

Articoli correlati

NOI ATRIPALDA, SCIOSCIA: “INCOMPETENZA DELL’ AMMINISTRAZIONE SU GESTIONE PERSONALE”

APRONO LE BIBLIOTECHE…ANCHE ATRIPALDA?

Giuseppe Vincenzo Battista

BOMBA ATRIPALDA, FDI: “GESTO VILE”, LA VIDEOSORVEGLIANZA?

Giuseppe Vincenzo Battista

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più