27.2 C
Comune di Avellino
8 Agosto 2020
Ultima pubblicazione: 08 agosto 2020 13:51:19
Impresa Diretta
Image default
Attualità

VACCINI A SCUOLA. AD ATRIPALDA TUTTO OK

Mancano poche ore per mettersi in regola con i vaccini a scuola. 

Entro domani, 31 ottobre, infatti, i dirigenti scolastici, secondo quanto stabilito dalla Legge Lorenzin, sono tenuti a comunicare alle ASL le classi con più di due minori non vaccinati. 

Cerchiamo di capirne di più. 

La legge Lorenzin prevede che a tutti i minori tra 0 e 16 anni debbano essere somministrati due gruppi di dieci vaccini. 

Quali sono questi vaccini? 

Anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti- pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella. 

La legge prevede delle eccezioni? 

Sono esentati dall’obbligo di vaccinarsi i bambini che sono stati già vaccinati a seguito di malattia naturale, ad esempio, i bambini che hanno già contratto la varicella non dovranno vaccinarsi contro tale malattia. 

E i bambini per i quali il vaccinarsi potrebbe costituire un pericolo per la salute. 

Il non essere vaccinati è motivo di non ammissione a scuola? 

Il non vaccinarsi porta all’esclusione dalla frequenza scolastica solo per i bambini da 0 a 6 anni, mentre per i bambini e gli adolescenti tra 6 e 16 anni comporta solo sanzioni pecuniarie per i genitori inadempienti. 

Cosa accade se i genitori non sono in accordo sulla scelta di vaccinare il figlio? 

Prevale la volontà del genitore favorevole, che in conformità con gli obblighi di legge può far vaccinare il proprio figlio. Mentre per il genitore non favorevole potrà essere disposto l’affievolimento della responsabilità genitoriale. 

Cosa succederà dopo il 31 ottobre? 

Il 31 ottobre è il termine ultimo, entro il quale i dirigenti scolastici sono tenuti a comunicare alla ASL quali sono le classi con più di due bambini non vaccinati. 

Dopo di che per i genitori degli alunni non vaccinati, che hanno un’età compresa tra i 6 e i 16 anni scatteranno delle sanzioni. 

Prima della multa, che può variare dai 100 ai 500 euro, ci sarà una sollecitazione da parte dell’ASL. 

Che fisserà con i genitori un colloquio informativo, nel quale saranno indicate le modalità e i tempi nei quali effettuare le vaccinazioni obbligatorie. 

Nel caso i genitori non si presentino al colloquio o non provvedano a far vaccinare il proprio figlio, l’ASL contesterà formalmente l’inadempimento dell’obbligo. 

Fatta chiarezza su cosa preveda la legge e su cosa può accadere ai trasgressori, spostiamo la nostra lente di ingrandimento, su una realtà a noi più vicina. 

Come si sono comportati i genitori atripaldesi?

A tal proposito abbiamo avuto un colloquio con la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo Statale “E. De Amicis-R. Masi”. 

La professoressa Amalia Carbone ci ha spiegato che per quest’anno grazie alla comunicazione telematica tra ASL e istituti, già in estate la situazione vaccinazioni risultava chiarita, sia per gli alunni frequentanti che per i nuovi iscritti. 

Nel mese di luglio, infatti, come previsto dalla legge, la scuola ha provveduto ad inviare all’ASL l’elenco di tutti gli iscritti. 

L’ASL a sua volta ha rimandato indietro l’elenco, con i vari adempimenti effettuati, specificando per ogni alunno dove l’obbligo era stato effettuato, dove era da verificare e dove c’erano eventuali esoneri. 

La presidenza, a sua volta, ha provveduto ad avvisare i genitori dei bambini per i quali l’ASL non aveva informazioni in merito allo stato delle vaccinazioni. 

Già nel mese di luglio, i genitori degli inadempienti hanno provveduto a presentare le documentazioni necessari ad attestare lo stato di vaccinazione dei propri figli. 

Quindi non ci sono al 31 ottobre comunicazioni da fare all’ASL. 

Concludendo, possiamo dire, che fatta eccezione per alcuni alunni della scuola dell’infanzia, che per situazioni specifiche sono esonerati dalle vaccinazioni, situazioni che ovviamente sono previste dalla legge, non ci sono, nell’Istituto Comprensivo Statale “E. De Amicis-R. Masi” bambini non vaccinati. 

Articoli correlati

IN ARRIVO BONUS FAMIGLIE DA 500 EURO

LUTTO NEL GIORNALISMO, MORTO SERGIO ZAVOLI

Giuseppe Vincenzo Battista

CINEMA ALL’APERTO NEL PARCO DELLA ACACIE

Giuseppe Vincenzo Battista

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più