12.2 C
Comune di Avellino
20 Febbraio 2020
Ultima pubblicazione: 20 febbraio 2020 14:30:21
Impresa Diretta
Image default
Attualità

IN ARRIVO IL VOUCHER DI RICOLLOCAZIONE

In arrivo il voucher di ricollocazione.

Ritorniamo nuovamente a parlare di reddito di cittadinanza. 

Sembra che ci siano novità interessanti all’orizzonte. 

A quanto pare, a febbraio arriverà il voucher di ricollocazione, un nuovo strumento di sostegno per l’inserimento nel mondo del lavoro. 

Il voucher lavoro o di ricollocazione altro non è che un assegno di ricollocazione destinato ai beneficiari del reddito di cittadinanza. 

Esso sarà spendibile presso tutti i soggetti che offrono un sistema di supporto personalizzato volto alla ricerca di un lavoro. 

Come funziona. 

Il voucher di ricollocazione verrà riconosciuto ai beneficiari del reddito di cittadinanza che avranno siglato entro il 15 febbraio il Patto di lavoro. 

Dal riconoscimento, il beneficiario del reddito di cittadinanza, avrà 30 giorni di tempo per scegliere da quale ente ricevere assistenza per la ricerca di un lavoro. 

Lo dovrà fare prendendo appuntamento sul portale messo a disposizione dall’ANPAL, oppure tramite Centri per l’Impiego e Patronati. 

Spetterà poi agli enti preposti affiancare il beneficiario con un tutor o un job advisor, il quale avrà il compito di seguirlo ed aiutarlo nella ricerca di un lavoro. 

Il servizio di assistenza avrà una durata di 6 mesi, che potrà essere prorogata di ulteriori 6 mesi nel caso in cui ci sia un importo residuo dell’assegno. 

Il voucher sarà pagato dallo Stato o dalla Regione solo nel caso in cui il beneficiario del reddito di cittadinanza riesca a trovare lavoro. 

A quanto ammonta il valore del voucher? 

Può avere un valore che oscilla tra i 500 e i 5000mila euro. 

Il suo valore è legato a due parametri.

Il primo è l’indice di profilazione del beneficiario, più egli è difficilmente occupabile, più alto sarà l’importo del voucher. 

Il secondo è, invece, la tipologia di contratto che il beneficiario riuscirà ad ottenere. 

Se il contratto firmato sarà a tempo indeterminato, l’assegno potrà ammontare ad una cifra compresa tra i 1000 e i 5000 euro. 

Se invece il contratto sarà a termine, con una durata minima di almeno 6 mesi, potrà essere riconosciuto un importo che va da un minimo di 500 ad un massimo di 2.500 euro.

Articoli correlati

SPACCATESTA, UNA FOLLIA MORTALE

Giuseppe Vincenzo Battista

LA MUSICA AIUTA A STUDIARE MEGLIO?

Giuseppe Vincenzo Battista

SOSPESA EROGAZIONE IDRICA IN 9 COMUNI IRPINI

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più