10 C
Avellino
15 Dicembre 2019
Ultima pubblicazione: 15 dicembre 2019 21:05:46
Impresa Diretta
Image default
Attualità

BRILLERA’ AD ATRIPALDA L’ORDIGNO DEL 1943

Brillerà in una cava di Atripalda l’ordigno del 1943.

Come molti di voi ricorderanno, lo scorso 6 settembre è stato ritrovato ad Avellino un ordigno bellico inesploso, risalente alla Seconda Guerra Mondiale. 

L’ordigno, venuto alla luce durante le operazioni di messa in sicurezza del torrente Fenestrelle, giaceva lì dal 14 settembre del 1943. 

Giorno in cui la città di Avellino fu interessata da un violento bombardamento aereo da parte delle forze americane, nel tentativo di colpire i tedeschi e di distruggere il Ponte della Ferriera. 

Durante il quale persero la vita 3000 persone e gran parte della città fu rasa al suolo. 

L’ordigno, un proiettile aereo di 80 centimetri contenente circa 26 chilogrammi di esplosivo, dopo il suo ritrovamento, è stato tempestivamente messo in sicurezza dagli artificieri dell’Esercito. 

Attualmente, la bomba adagiata in una trincea, costruita per proteggerla da eventuali straripamenti del fiume, è costantemente monitorata in attesa del giorno in cui sarà fatta brillare. 

Vertice in Prefettura

Dopo il vertice preliminare tenutosi presso l’Unità di Crisi di Palazzo di Governo, nel quale è stata decisa la rimozione dell’ordigno. 

Lo scorso lunedì, si è tenuto in Prefettura, il secondo tavolo per mettere a punto le modalità e i tempi dell’evacuazione per la messa in sicurezza della zona durante le operazioni di disinnesco. 

Durante l’incontro, a cui hanno preso parte la Protezione Civile, il Genio Guastatori dell’Esercito e le aziende che gestiscono i servizi della zona (luce, acqua, gas e telefonia), sono state prese importanti decisioni. 

Il raggio d’azione per il distacco di tutte le forniture sarà molto probabilmente inferiore ad un kilometro, come inizialmente preventivato, al fine di ridurre allo stretto necessario le disalimentazioni. 

Dove e quando verrà fatta brillare

La bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda. 

La data è ancora da definirsi, ma con molta probabilità sarà tra la fine di marzo e la domenica successiva a Pasqua. 

Si è scelto come periodo la primavera visto che le temperature invernali non conciliano con un piano di evacuazione. 

Le operazioni, come avviene di consuetudine in casi simili, saranno svolte di domenica, per non influire nelle attività feriali della città. 

Il piano di bonifica e sicurezza prevede l’evacuazione di circa 23 mila persone, nel raggio di un chilometro dal luogo del ritrovamento della bomba. 

Anche Atripalda sarà interessata dallo sgombero, nel raggio di 350 metri da dove sarà fatta brillare la bomba. 

Messa in sicurezza dei cittadini

Risolto il problema principale, adesso bisogna pensare ai cittadini e ai disagi ai quali andranno incontro durante le operazioni, ragion per cui nelle prossime settimane il tavolo si aggiornerà. 

Il prossimo incontro sarà con il comparto sanitario, al fine di definire il piano di evacuazione delle strutture sanitarie e l’accoglienza delle persone allettate, che hanno bisogno di cure costanti seppure eseguite a casa. 

Fatto ciò, sarà necessario definire il piano di accoglienza dei cittadini evacuati, che non hanno modo di trovare una sistemazione autonoma, durante il tempo necessario per lo svolgimento delle operazioni. 

Sarà inoltre necessario organizzare l’accoglienza dei detenuti agli arresti domiciliari. 

A tutto ciò si aggiungono le esigenze delle attività commerciali presenti nella zona interessata e tutti i problemi legati alla viabilità. 

Il percorso necessario a definire il piano dell’operazione, nei minimi dettagli, si prevede ancora lungo. 

Articoli correlati

RIUNIONE DEI COMUNI SEDE DI STABILIMENTI FCA

CONCERTO DI NATALE CHIESA DI S. IPPOLISTO

LA FANFARA DEI CARABINIERI A PRATOLA SERRA

Giuseppe Vincenzo Battista

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più

SOSTIENI IL TUO GIORNALE

Impresa Diretta è un quotidiano on-line facente capo all’Associazione Culturale “Impresa Diretta”. Nata nel 2015 la testata giornalistica è regolarmente registrata presso il Tribunale di Avellino al N°3/15 Registro della Stampa avvenuta il 16 aprile del 2015. Impresa Diretta è una realtà autofinanziata. Se vuoi, puoi sostenerci con una donazione. Tale azione, ci darà la possibilità di garantire la qualità dei nostri contenuti editoriali e di costruire un giornale sempre più forte e indipendente. Si tratta di un piccolo gesto, per noi fondamentale, per poter continuare ad avere un’informazione libera. Puoi effettuare la tua donazione con un bonifico bancario intestato all’Associazione Culturale “Impresa Diretta” IBAN IT16V0306909606100000150557. Grazie