22.4 C
Comune di Avellino
19 Giugno 2024
Ultima pubblicazione: 19 giugno 2024 14:54:10
Impresa Diretta
Image default
Cronaca

COSMOPOL: COSTRIZIONI, ABUSI E STIPENDI DA FAME

Cosmopol: costrizioni, abusi e stipendi da fame.

La Cosmopol SpA, agenzia di vigilanza privata, finisce sotto il controllo giudiziario per condizioni lavorative di sfruttamento e stipendi sotto la soglia di povertà. 

Lo slogan della società con sede ad Avellino “Produciamo Sicurezza”, si è trasformata nelle ultime ore in produciamo caporalato e paghe da fame.

5 euro lordi all’ora e turni massacranti con settimane a copertura di turni di 12 ore senza pausa, sono il vero “valore aggiunto” della Cosmopol SpA.

Il riconoscimento all’azienda Cosmopol.

E dire che qualche mese fa l’azienda di Avellino era stata premiata dal Centro Studi Italy Post e dal Corriere della Sera Economia.

Il tutto era avvenuto all’interno di un dibattito  “Il Sud genera futuro”  alla presenza di un parterre di grande spessore, che ha visto l’intervento del Dott. Carlo Lettieri CEO del gruppo Cosmopol, sotto gli occhi del Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, nella splendida cornice del Complesso Donnaregina di Napoli.

Evidentemente costoro non conoscono la disumana realtà che vive da tempo il settore del portierato o se preferite i Servizi Fiduciari dell’azienda Cosmopol.

Il comunicato diffuso il 3 marzo 2023 annoverava tra le 200 migliori imprese italiane selezionate sulla base dei bilanci degli ultimi sei anni che hanno meritato il titolo di SuperChampion nell’analisi elaborata dal Centro Studi di Italy Post e dall’Economia del Corriere della Sera.

Bilanci positivi e stipendi da fame, con lavoratori costretti a fare 12 ore al giorno senza pausa pranzo.

Ricavi sproporzionati per l’azienda, mentre le briciole andavano a quei “disgraziati” che rompendosi la schiena tutti i giorni, in macchina, fermi in pieno sole oppure in piedi per l’intera giornata, erano costretti a compiere miracoli.

L’azienda si espande.

Agli inizi di marzo 2023 Cosmopol ha annunciato il completamento dell’acquisizione di Rossetti Group, storica azienda di sicurezza privata con sede a Milano e Lodi. 

Ma non è l’unica operazione di acquisizione che il gruppo irpino sta facendo.

L’espansione dell’azienda nel Nord Italia non ha limiti. Il gruppo continua ad investire.

Il Gruppo Cosmopol, come recita il comunicato stampa del 3 marzo, grazie alle ultime acquisizioni ha raggiunto nel 2022 un volume d’affari consolidato pari a 250 milioni di euro, con un prospect per l’esercizio 2023 di 275Mln di ricavi e con una forza lavoro di 6000 dipendenti.

Anche in Irpinia non è tutto rose e fiori.

La Guardia di Finanza, grazie al decreto di controllo emesso con urgenza dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Milano, ha scoperchiato una realtà che si conosce da anni.

L’omertà e la paura di perdere il “lavoro” non hanno ancora portato alla luce tutte le malefatte dell’azienda avellinese.

Anche in Irpinia la situazione dei Fiduciari non è rosea….anzi. 

Oltre a turni massacranti, spostamenti ben oltre il consentito con il proprio mezzo, e straordinari non pagati, c’è chi ancora aspetta da mesi il TFR e la busta paga contenente l’ammontare della somma che ha maturato nel periodo di lavoro.

Articoli correlati

FORINO – SORPRESI CON DROGA E ARMI, ARRESTI E DENUNCE

IN CARCERE IL 30ENNE DI ATRIPALDA CHE SEMINO’ PANICO IN CITTA’

Giuseppe Vincenzo Battista

ARIANO IRPINO, DETENUTO SI TOGLIE LA VITA IN CARCERE

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più