10.6 C
Comune di Avellino
29 Novembre 2022
Ultima pubblicazione: 29 novembre 2022 17:27:26
Impresa Diretta
Image default
Dall'ItaliaSalute

VAIOLO DELLE SCIMME: 714 CASI IN ITALIA, 31 IN CAMPANIA

Vaiolo delle scimmie: 714 casi accertati in Italia, 31 in Campania

Il Ministero della Salute ha attivato un Sistema di sorveglianza con Regioni e Province autonome sui casi di vaiolo delle scimmie e pubblica un bollettino ogni martedì e venerdì. Il primo caso in Italia è stato confermato il 20 maggio 2022.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato il 23 luglio 2022 il vaiolo delle scimmie (Monkeypox) “emergenza sanitaria globale” e formulato una serie di raccomandazioni.   

In Italia, i casi mostrano tendenza alla stabilizzazione, la situazione è sotto costante monitoraggio, e non si ritiene debba destare particolari allarmismi, come sottolineato da Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione sanitaria.

Ecco il bollettino del 23 agosto diffuso dal Ministero della Salute.

DATI NAZIONALI

Casi confermati 714

Casi collegati a viaggi all’estero 194 

DATI REGIONALI CONFERMATI
Abruzzo 2  
Basilicata 0  
Calabria 0  
Campania 31  
Emilia – Romagna 73  
Friuli – Venezia Giulia 11  
Lazio 128  
Liguria 16  
Lombardia 308  
Marche 5  
Molise 0  
Piemonte 26  
Puglia 16  
Sardegna 4  
Sicilia 5  
Toscana 36  
PA. Bolzano 1  
PA. Trento 4  
Umbria 0  
Valle d’Aosta 0  
Veneto 48

I sintomi del vaiolo delle scimmie comprendono di solito: febbre, sonnolenza, mal di testa, dolori muscolari.

I segni più frequenti sono: linfonodi ingrossati ed eruzioni o lesioni cutanee.

L’eruzione cutanea di solito inizia entro tre giorni dalla comparsa della febbre. 

Le lesioni possono essere piatte o leggermente rialzate, piene di liquido limpido o giallastro, possono formare croste, seccarsi e cadere. 

Predominano le lesioni ano-genitali, seguono tronco, braccia e gambe, viso e palmi delle mani e dei piedi. 

L’eruzione cutanea può anche essere riscontrata sulla bocca, sulla zona perigenitale e sugli occhi.

I sintomi in genere durano da 2 a 4 settimane e scompaiono da soli senza trattamento.

Il virus si trasmette attraverso un contatto stretto con un caso sintomatico. L’eruzione cutanea, i fluidi corporei (come liquido, pus o sangue da lesioni cutanee) e le croste sono particolarmente infettivi.

Ulcere, lesioni o piaghe della bocca possono essere infettive e il virus può diffondersi attraverso la saliva o attraverso droplet (goccioline respiratorie) in caso di contatto prolungato faccia a faccia (a maggior rischio gli operatori sanitari, i membri della stessa  famiglia e altri contatti stretti dei casi confermati).

Il vaiolo delle scimmie può essere trasmesso anche con contatto diretto tra le lesioni durante le attività sessuali.

Anche indumenti, lenzuola, asciugamani o stoviglie contaminati dal virus di una persona infetta possono contagiare altre persone.

Chiunque abbia sintomi riferiti al vaiolo delle scimmie deve contattare immediatamente il proprio medico.

Ministero della Salute 

Foto – Startmag

 

Articoli correlati

TENTA DI SEDARE UNA LITE, 40ENNE UCCISO A CALCI E PUGNI

Giuseppe Vincenzo Battista

UCCIDE LA MADRE A COLPI DI FORBICE E POI PROVA A DARLE FUOCO

14ENNE SCHIAVA DEI GENITORI, ARRESTATI

Giuseppe Vincenzo Battista

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più