15.7 C
Comune di Avellino
30 Marzo 2020
Ultima pubblicazione: 30 marzo 2020 14:00:36
Impresa Diretta
Image default
Salute

SPERIMENTAZIONE FARMACI PER COVID-19

Per contrastare e curare gli effetti dell’infezione da nuovo Coronavirus, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha dato il via libera alla sperimentazione di diverse tipologie di farmaci. 

Di seguito una sintesi dei protocolli di studio attualmente in corso.

Favipiravir (Avigan)

Nella seduta del 23 marzo la Commissione Tecnico Scientifica dell’AIFA ha dato il via libera alla valutazione di un programma di sperimentazione clinica per valutare efficacia e sicurezza del medicinale Favipiravir nella malattia COVID-19.

Tocilizumab

Su questo medicinale, già utilizzato nel trattamento di altre patologie come l’artrite reumatoide, è in corso uno studio multicentrico di fase 2, sulla sua efficacia e sicurezza nel trattamento di pazienti con polmonite da COVID-19. 

Lo studio, che dovrebbe terminare entro la metà del mese di maggio 2020, nasce dai risultati di un’esperienza resa nota da ricercatori cinesi (Xiaoling Xu, Mingfeng Han, Tiantian Li).

Secondo loro il Tocilizumab ha prodotto incoraggianti benefici clinici e nei parametri di laboratorio in 21 pazienti affetti da polmonite severa o critica COVID-19. 

Tocilizumab è un anticorpo monoclonale, diretto contro il recettore dell’IL-6, uno dei mediatori dell’infiammazione che consegue alla risposta immunitaria contro il virus, che si realizza a livello degli alveoli polmonari. 

Tale risposta immunitaria e la conseguente “tempesta citochinica”, finiscono con il produrre un significativo danno al parenchima polmonare che riduce notevolmente la funzionalità respiratoria.

Alle ore 12.00 del 20 marzo 2020, si sono registrati per la sperimentazione con Tocilizumab 281 centri e sono stati arruolati 411 pazienti.

Remdesivir

L’Italia partecipa a due studi di fase 3 promossi da Gilead Sciences per valutare l’efficacia e la sicurezza della molecola sperimentale Remdesivir negli adulti ricoverati con diagnosi di COVID-19.

Gli studi saranno inizialmente condotti presso l’Ospedale Sacco di Milano, il Policlinico di Pavia, l’Azienda Ospedaliera di Padova, l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma e l’Istituto Nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani. 

Sono in identificazione, in collaborazione con AIFA, altri centri in Regioni con alta incidenza dell’infezione da Coronavirus per l’inclusione negli studi.

Ministero della Salute

Articoli correlati

COVID-19, BOOM DI ISCRITTI AL CORSO DELL’ISS

COVID-19, IN CAMPANIA 3MILA POSTI LETTO IN PIU’

Giuseppe Vincenzo Battista

EMERGENZA COVID-19, BANDO PER 500 INFERMIERI

Giuseppe Vincenzo Battista

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più