21.8 C
Avellino
16 Luglio 2019
Ultima pubblicazione: 16 luglio 2019 07:10:24
Impresa Diretta
Image default
Salute

UN NEONATO DA FECONDAZIONE ETEROLOGA PUÒ AVERE DNA MATERNO

Questa tecnica così controversa, e da tante donne ancora non ben identificata, mi riferisco alla fecondazione di tipo eterologo, consente di far nascere un bambino con il patrimonio genetico di uno solo dei genitori, o anche di nessuno di essi.

Le donne che accettano di sottoporsi ad un trattamento di fecondazione eterologa, attraverso l’uso di ovuli di donatrici, hanno consapevolezza che il bambino che porteranno in grembo non avrà nulla di somigliante né nell’aspetto e né nella personalità. Di conseguenza, quando si ricorre alla soluzione “eterologa”, il sogno di avere un piccolo “clone” di sé svanisce (aspirazione opinabile, peraltro già approfondita in un precedente articolo relativo al concetto di somiglianza). In realtà, da studi recentissimi, si dimostrerebbe il contrario, almeno nel caso dell’ovodonazione.

A supporto di questa teoria, occorre citare una branca della biologia molecolare l’Epigenetica che investiga come l’espressione genica possa essere modificata, o alterata, attraverso meccanismi che non vanno a modificare la sequenza stessa del genoma. La sperimentazione conduce, un team di ricercatori britannici dell’Università di Southampton, a pubblicare, nel 2015, sulla rivista Development, i risultati dello studio condotto su donne gravide che erano ricorse alla fecondazione eterologa.

Gli studiosi hanno prelevato una piccola quantità di liquido uterino, all’interno del quale cresce il feto, e l’hanno sottoposto a sofisticate indagini di laboratorio. Hanno così scoperto che in tutti i campioni prelevati erano presenti diverse tracce di Dna materno, dimostrando che lo stesso materiale parteciperebbe allo sviluppo dell’embrione. Il risultato è sorprendente, perché la ricerca scientifica dimostrerebbe che la paziente che riceve l’ovulo, per un “fenomeno epigenetico”, riesce a modificare l’imprinting originario…  continua la lettura

Dr.ssa Chiara Granato
Biologa della Riproduzione
www.chiaragranato.it

Articoli correlati

PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE. (VIDEO)

admin

TURISMO PROCREATIVO. GLI EFFETTI DELLA LEGGE 40

Vittorio Coppola

INTEGRATORI A BASE DI CURCUMA: AGGIORNAMENTI SUI PRODOTTI ASSOCIATI A CASI DI EPATITE

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più