13.3 C
Comune di Avellino
26 Maggio 2020
Ultima pubblicazione: 26 maggio 2020 22:50:43
Impresa Diretta
Image default
Salute

CORONAVIRUS, OMS: I GUARITI NON SONO IMMUNI

Coronavirus, OMS: i guariti non sono immuni.

L’OMS ha pubblicato una guida sull’adeguamento della sanità pubblica e delle misure sociali per la prossima fase della risposta COVID-19.1 

Alcuni governi hanno suggerito che il rilevamento di anticorpi contro SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, potrebbe servire come base per un “passaporto di immunità” o un “certificato privo di rischio” che consentirebbe alle persone di viaggiare o di tornare al lavoro presupponendo che siano protette dalla reinfezione. 

Al momento non ci sono prove che le persone che si sono riprese da COVID-19 e hanno anticorpi siano protette da una seconda infezione.

La misurazione di anticorpi specifici per COVID-19.

Lo sviluppo dell’immunità a un patogeno attraverso l’infezione naturale è un processo in più fasi che si svolge in genere nell’arco di 1-2 settimane. 

Il corpo risponde immediatamente a un’infezione virale con una risposta innata non specifica in cui i macrofagi, i neutrofili e le cellule dendritiche rallentano il progresso del virus e possono persino impedire che causi sintomi. 

Questa risposta non specifica è seguita da una risposta adattativa in cui il corpo produce anticorpi che si legano specificamente al virus. 

Questi anticorpi sono proteine ​​chiamate immunoglobuline.

Il corpo produce anche cellule T che riconoscono ed eliminano altre cellule infettate dal virus. 

Questo si chiama immunità cellulare.

Questa risposta adattativa combinata può eliminare il virus dal corpo e, se la risposta è abbastanza forte, può prevenire la progressione a malattia grave o reinfezione da parte dello stesso virus. 

Questo processo viene spesso misurato dalla presenza di anticorpi nel sangue.

L’OMS continua a rivedere le prove sulle risposte anticorpali all’infezione da SARS-CoV-2.2-17.

La maggior parte di questi studi mostra che le persone che si sono riprese dall’infezione hanno anticorpi contro il virus. 

Tuttavia, alcune di queste persone hanno livelli molto bassi di anticorpi neutralizzanti nel sangue, 4 suggerendo che l’immunità cellulare può anche essere fondamentale per il recupero. 

Al 24 aprile 2020, nessuno studio ha valutato se la presenza di anticorpi contro SARS-CoV-2 conferisca l’immunità alla successiva infezione da questo virus nell’uomo.

I test di laboratorio che rilevano gli anticorpi contro la SARS-CoV-2 nelle persone, compresi i test immunodiagnostici rapidi, necessitano di ulteriori convalide per determinarne l’accuratezza e l’affidabilità. 

Test immunodiagnostici imprecisi possono classificare erroneamente le persone in due modi. 

Il primo è che possono etichettare falsamente le persone che sono state infettate come negative, e il secondo è che le persone che non sono state infettate sono erroneamente etichettate come positive. 

Entrambi gli errori hanno gravi conseguenze e influenzeranno gli sforzi di controllo. 

Questi test devono anche distinguere accuratamente tra le infezioni passate da SARS-CoV-2 e quelle causate dall’insieme noto di sei coronavirus umani. 

Quattro di questi virus causano il raffreddore comune e circolano ampiamente. 

I restanti due sono i virus che causano la sindrome respiratoria mediorientale e la sindrome respiratoria acuta grave. 

Le persone infette da uno di questi virus possono produrre anticorpi che reagiscono in modo crociato con anticorpi prodotti in risposta all’infezione da SARS-CoV-2.

Molti paesi stanno ora testando gli anticorpi SARS-CoV-2 a livello di popolazione o in gruppi specifici, come gli operatori sanitari, i contatti stretti di casi noti o all’interno delle famiglie.21 

L’OMS sostiene questi studi, poiché sono fondamentali per comprendere l’estensione di – e fattori di rischio associati a – infezione. 

Questi studi forniranno dati sulla percentuale di persone con anticorpi COVID-19 rilevabili, ma la maggior parte non è progettata per determinare se queste persone sono immuni alle infezioni secondarie.

Altre considerazioni.

A questo punto della pandemia, non ci sono prove sufficienti sull’efficacia dell’immunità mediata da anticorpi per garantire l’accuratezza di un “passaporto dell’immunità” o di un “certificato privo di rischio”. 

Le persone che presumono di essere immuni a una seconda infezione perché hanno ricevuto un risultato di test positivo possono ignorare i consigli sulla salute pubblica. 

L’uso di tali certificati può quindi aumentare i rischi di una trasmissione continua. 

Non appena saranno disponibili nuove prove, l’OMS aggiornerà questo documento scientifico.

 

Articoli correlati

“RACCOMANDATO” IL VACCINO ANTINFLUENZALE

RIPRESA ATTIVITA’ SPORTIVE, LE LINEE GUIDA

RIPRENDONO LE ATTIVITA’ AMBULATORIALI

Giuseppe Vincenzo Battista

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più