25 C
Comune di Avellino
13 Luglio 2020
Ultima pubblicazione: 13 luglio 2020 19:10:22
Impresa Diretta
Image default
Cultura

A MONTEFALCIONE L’ARTE AI TEMPI DEL LUPO

A Montefalcione l’arte ai tempi del lupo

Da oggi 23 dicembre e fino a domenica 29, il suggestivo chiostro del Monastero Benedettino, annesso alla chiesa cinquecentesca di S. Maria del Loreto, di Montefalcione, ospiterà la mostra “#Hirpusinfabula, L’arte ai tempi del Lupo”. 

La mostra itinerante, che è stata accolta con plauso in alcuni dei luoghi e monumenti più rappresentativi della storia e dell’archeologia irpina, è un progetto dell’archeologo ed artista Pellegrino Capobianco, in arte Crinos. 

Cenni bibliografici

Pellegrino Capobianco, nato ad Avellino, sin da piccolo ha nutrito una forte passione per il disegno, la mitologia greca e i racconti arturiani. 

La matita e i pastelli colorati, i suoi giocattoli preferiti, sono stati per Crinos strumenti indispensabili per osservare e conoscere il mondo. 

L’artista autodidatta, laureato in archeologia classica, ha un’esperienza pluriennale nell’ambito della comunicazione e della promozione turistico-culturale, volta alla valorizzazione del patrimonio artistico italiano. 

Le sue opere frutto della combinazione tra conoscenze accademiche e artistiche, parlano e si ispirano al suo territorio natale, l’Irpinia. 

Esse, da uno stile personale ed innovativo, gli hanno portato vari riconoscimenti nel campo della pittura, tanto da essere premiato diverse volte a livello nazionale, per progetti che fondono arte, cultura e tecnologia. 

Dopo questa breve e doverosa bibliografia dell’artista, entriamo nel vivo del progetto. 

Progetto #Hirpusinfabula

#Hirpusinfabula è un progetto di ricerca, studio e rivisitazione di alcune immagini emblematiche del patrimonio storico-artistico irpino.

Dallo Xoanon della Mefite alla tavola lignea della Madonna di San Guglielmo, dal San Nicola di Domenico Guicciardi a la stanza da letto di una donna pompeiana di Federico Maldarelli, dal Re di Bronzo (ritratto di Carlo II) di Cosimo Fanzago alle immagini dei Briganti del Sud, concludendo con un omaggio a Luigi Poderico marchese di Montefalcione. 

Quest’ultima opera, realizzata per l’occasione, si aggiunge alle precedenti tavole illustrative, ovvero, circa 20 acquerelli che rielaborano altrettante opere locali. 

Nel pieno rispetto dello stile e del genere di ogni singolo soggetto artistico, le immagini si uniformano grazie ad alcune soluzioni tecniche ed estetiche, creando un racconto visivo che si svolge dall’età preromana ai giorni nostri. 

In ognuna di loro fa incursione l’immagine del lupo irpino con tutta la carica simbolica, culturale, antropologica e religiosa che da sempre lo connota. 

Con lo scopo di approfondire la conoscenza della storia, dei miti e delle leggende locali, e di rivalutare il territorio, mediante una discussione sul suo passato e le sue radici.

Il progetto ha anche l’intento di sensibilizzare il pubblico nei confronti di una specie protetta che, a causa di paure e pregiudizi infondati, rischia nuovamente l’estinzione. 

La mia esperienza personale

Recandomi alla mostra ho fatto la conoscenza dell’artista che mi ha accompagnata gentilmente lungo il percorso, illustrandomi le singole opere. 

Ognuna ispirata come abbiamo accennato ad opere già esistenti, riprodotte fedelmente e con l’aggiunta di elementi personali, è il frutto di un lungo e minuzioso lavoro. 

Le opere, molto diverse tra di loro per stile, dimostrano una grossa evoluzione dell’artista stesso, un crescere verso uno stile pittorico sempre più raffinato e minuzioso. 

Ogni irpino visitando la mostra può riconoscere una parte di sé, una parte del proprio territorio, delle proprie tradizioni, delle proprie origini. 

Durante la visita mi è venuto spontaneo chiedergli il perché abbia scelto come nome d’arte Crinos. 

Il nome Crinos è un nome che sembra cucito addosso all’artista sin dalla nascita, un nome destinato a diventare suo. 

Il nome nato in modo goliardico tra i banchi di scuola.

Frutto della combinazione tra nome e cognome dell’artista stesso, comincia ad essere usato nei tag sui social, per poi diventare una firma delle sue opere quando scopre quasi per caso che il termine “crino” deriva dal greco e significa giudicare. 

Un nome quindi adattissimo ad un artista che per connotazione giudica attraverso le suo opere e viene allo stesso tempo giudicato. 

La scelta trova conferma quando, quasi per caso, scopre che Crinos era un nome di un lupo mannaro. 

Quindi quale nome più azzeccato, che combina le sue origini irpine con il suo percorso artistico, costruito proprio attorno alla figura del lupo. 

Maggiori informazioni sull’evento 

Questa tappa della mostra itinerante è stata promossa e curata dalle associazioni culturali TerritoRealMente ed Explore Montefalcione.

Nate con lo scopo di concorrere al miglioramento ed allo sviluppo del proprio territorio, che sin da subito hanno mostrato forte interesse per il progetto dell’artista. 

La mostra, affascinante e “fantastica” nel suo immaginario visivo, si propone, secondo le associazioni organizzative, come un momento di incontro tra grandi e bambini che, con eguale curiosità e divertimento, possono regalarsi, nel periodo natalizio, una passeggiata all’insegna dell’arte e della cultura presso il comune di Montefalcione. 

La mostra, gratuita, sarà aperta ogni giorno dal 23 al 29 dicembre, dalle 10:00 alle 13:00 del mattino e dalle15:00 alle 17:00 del pomeriggio, fatta eccezione per il giorno 25 e per il 26 pomeriggio, quando resterà chiusa. 

Articoli correlati

23 APRILE, GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO

INCONTRO LETTERARIO AD ATRIPALDA

Giuseppe Vincenzo Battista

LE AZZURRE BRACCIA DELLA LUNA AD ATRIPALDA

Questo sito utilizza sia Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento) che di profilazione propri o di terze parti (necessari al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti durante la navigazione).
La prosecuzione della navigazione o l'accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.Per visionare l'informativa estesa clicca qui.

In mancanza di accettazione o eventuale rifiuto da parte dell'utente potrà comportare la mancata prestazione del servizio richiesto o la parziale visione dei contenuti previsti nel sito se tale accettazione è necessaria a tali fini.
Accetto Leggi di più